Seborga

Nave romana Imperia 'apre' ai sub

Il relitto della nave romana scoperta nel 2013 a 50 metri di profondità a un miglio e mezzo da Imperia è visitabile dai sub. Sono già una ventina i sommozzatori che sono scesi sul relitto, lungo una quindicina di metri e largo 6 di cui è visibile la sagoma coperta di anfore, con la restante parte insabbiata. Per omaggiare il relitto, datato tra il primo secolo avanti Cristo e il primo dopo Cristo venerdì prossimo, la nave sarà visibile a tutti con foto e filmati proiettati al Museo Navale. Dallo studio dei tappi delle anfore si potrebbe risalire al nome del mercante proprietario della nave. "E' un mondo da scoprire - dice l'assessore alla Cultura del Comune, Marcella Roggero - e un modo di valorizzare il territorio perché le visite al relitto potrebbero avere ricadute sul turismo". Per la biologa Monica Previati, la nave è "un patrimonio storico e biologico incredibile, con la presenza di specie marine come gronghi, murene, spugne, ricci dalle lunghe spine che nelle anfore trovano il loro habitat naturale".

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie